Skip to main content

Strategie per il colloquio

Strategie per il colloquio

Questo articolo deriva da The Small Business Hiring Guide

La tua azienda ha la possibilità di aumentare il successo di assunzione, servendosi degli strumenti giusti, tra cui tecniche efficaci per il colloquio, domande ponderate e incontri con i candidati ben organizzati. Ecco alcune informazioni di base per iniziare.

Prepara le domande in anticipo

Crea un elenco di domande prima dell'arrivo del candidato. Grazie a questo tipo di pianificazione anticipata, l'intervista procederà rapidamente e potrai ottenere le informazioni necessarie. Ti aiuterà inoltre a evitare le domande vaghe, difficili da rispondere per i candidati.

Scegli l'intervistatore giusto

Solitamente il colloquio di lavoro iniziale è tenuto dal supervisore che si occupa del neo assunto. Se si tratta di un piccolo negozio con una sola persona che fa da supervisore, fai intervistare il candidato da un altro membro del team. Discuti in anticipo gli argomenti che l'intervistatore dovrà trattare. Tutto questo servirà a ottenere informazioni più complete sugli skill e l'esperienza del candidato.

Ascolta di più, parla di meno

Quando comincia il colloquio, metti i candidati a proprio agio chiedendo loro alcune domande generali e fai in modo che siano loro a parlare di più. Tieni in serbo la descrizione dell'azienda e del lavoro per la parte finale dell'incontro. Altrimenti, i candidati possono raccontarti ciò che pensano desideri ascoltare piuttosto che parlare onestamente.

Evita gli stereotipi

Domande del tipo "Dove ti immagini tra cinque anni?" daranno luogo a risposte stereotipate. Chiedi invece ciò che non si aspettano. Osservali mentre pensano, è un buon indicatore di come approcceranno le sfide quotidiane.

Tre domande da porre durante il colloquio:

• Tempo necessario per apprendere un nuovo skill.
• Descrizione del loro lavoro peggiore.
• Come motiverebbe qualcuno che non sta facendo il suo lavoro?

Tre domande da evitare:

•Dove si immagina tra cinque anni?
• Quali sono i suoi punti di forza, e i suoi punti deboli?
• Perché ha ha deciso di lasciare la sua posizione attuale?

Ottieni informazioni pratiche

Quali sono le domande che ti consentono di ottenere le informazioni necessarie? Domande basate su situazioni immaginarie, in cui chiedi a un candidato di affrontare una situazione tipo sul lavoro possono risultare utili per comprenderne. Domande che si concentrano su risultati misurabili, come ad esempio, "che tipo di ostacoli hai affrontato nel corso di un progetto, e come li hai superati? offrono importanti informazioni
sui risultati pertinenti. Approfondisci se necessario per ottenere le informazioni specifiche di cui hai bisogno.

Parla del marchio e della cultura della tua azienda

Come piccola azienda, il marchio è un elemento cruciale per aiutare a "vendere" il candidato.

Il primo componente del marchio dell'azienda è riflesso nei vantaggi funzionali offerti, ad esempio i piani di copertura sanitaria, risarcimenti, lavoro flessibile, programmi per il benessere e i pendolari. Parla inoltre al candidato delle opportunità di crescita e di sviluppo di carriera.

Al secondo posto ci sono i vantaggi emotivi connessi al marchio. Insisti sulla cultura aziendale, su quello che motiva le persone a lavorare per voi e le iniziative dei dipendenti, i programmi di volontariato per la comunità e le altre tradizioni aziendali.

Al terzo posto, sicuramente non per ordine di importanza c'è la "ragione di crederci"  Piuttosto che offrire al candidato aneddoti impersonali sui motivi che rendono la tua azienda un posto di lavoro eccezionale, considera di far incontrare il candidato con uno dei tuoi dipendenti, che condivida in prima persona la sua esperienza di lavoro positiva.

Guarda l'orologio

Decidi la durata dell'incontro e quanto sarà il tempo da dedicare alle domande del candidato e quello per la descrizione della posizione. Non sentirti obbligato a dare troppo spazio ai candidati con poche speranze, tuttavia tieni presente che sono quelli più propensi a parlare della propria esperienza agli altri.

Non rinunciare al secondo colloquio

Invita i candidati validi a un altro colloquio con un membro del team. Poni nuove domande e ripetine alcune del primo colloquio, per testare la coerenza. Il secondo incontro ha rafforzato in te la convinzione che il candidato è adatto al lavoro? Se non sei sicuro, non esitare a fissare un terzo incontro.

Back to top